IL DRAMMA DI LAMBERTO SPOSINI: ''SONO TRASCORSI 6 ANNI DALL'EMORRAGIA E PURTROPPO LAMBERTO NON E' PIU' LA STESSA PERSONA, SENZA AMICI NE' FUTURO''

Sono trascorsi 6 anni dall’emorragia e purtroppo oggi Lamberto è un’altra persona. Ma con la vicinanza fisica dei colleghi sarebbe sicuramente diverso […]  È ancora vivo Sposini, ma per la Tv è come se non ci fosse più“. A parlare è Sabina Donadio la ex moglie di Lamberto Sposini. Sabina gli è sempre rimasta accanto, ed è lei a continuare a fare “pubbliche relazioni per lui”, che da quel tragico giorno ha perso la facoltà di parlare e molto, molto altro. Oggi Lamberto Sposini comunica con gli occhi, per chi sa interpretarlo, non ha più amici e la sua vita è distrutta. Il 29 aprile 2011, il conduttore fu colpito da un ictus appena prima di andare in onda. Era il giorno del matrimonio reale d’Inghilterra; Kate e William convolarono a nozze. All’epoca dell’ictus, ci furono molte polemiche circa un presunto ritardo nei soccorsi. Sembra che Lamberto Sposini sia arrivato al gemelli solo dopo due ore dall’ictus. I familiari per questo hanno intentato una causa contro la Rai, per i ritardi causati dai medici aziendali.  

Perché anche se i medici sono riusciti a salvare la vita del giornalista, da quel giorno la sua carriera è stata stroncata dalle conseguenze dell’emorragia cerebrale. E infatti oggi Lamberto non può più parlare, e la sua vita ruota quasi unicamente attorno alla figlia Matilde, avuta dalla relazione con Sabina Donadio. E proprio Sabina a raccontare quell'orrendo giorno. Dopo il malore, la preoccupazione di come avrebbe reagito alla notizia la figlia Matilde. Sulle prime la Donadio, per proteggerla, aveva evitato di metterla al corrente, ma la bambina era comunque venuta a saperlo dai compagni di scuola: ''Avevo fatto lo sbaglio di non dirle subito che cosa era successo – prosegue la ex di Sposini nell’intervista - . Sono sempre stata una donna insicura e mi era preso il panico: non mi sentivo in grado di gestire nostra figlia da sola. L’avevo tenuta a casa tre giorni e, la mattina in cui era tornata in classe, tutti, preside, professori e allievi, erano stati avvisati del fatto che non era al corrente delle condizioni del padre.

Ma il giorno stesso, quando andai a prenderla, la sua migliore amica mi disse che nell’intervallo i bambini di un’altra classe le avevano fatto il coretto: 'Tuo padre è in coma, tuo padre è in coma'''. Quindi ha dovuto affrontare l’argomento con la figlia, ma non nel modo in cui si aspettava: ''Lei mi chiese: 'Che cosa vuol dire coma? Che papà non si risveglia più? Che muore?'. Come risponde, una madre? Ovviamente cercai di tranquillizzarla, le dissi che sarebbe andato tutto bene. Oggi – continua la Donadio - mi rendo conto che la mia fu incoscienza, la speranza folle di restituire a mia figlia suo padre. E a chi si trova a vivere quello che abbiamo vissuto noi voglio dire che il cammino è difficile, molto più difficile di quanto allora pensassi, ma che alla fine Lamberto si è svegliato davvero, anche se oggi è quello che io chiamo un papà ammaccato''.

fonte: caffeinamagazine.it

Acquista spazio pubblicitario su Io Vivo A Roma
Altri post di Io Vivo a Roma
Ritiro Olio Esausto, perche' e' necessario - 23/11/2022
Per molte persone che operano in alcune attività sarà importante scoprire tutti i motivi per i quali è necessario il ritiro olio esausto Piemonte. Si tratta di un servizio utile...
Calcio, sport e passione - 22/11/2022
Nessuno potrà dire che stiamo esagerando se affermiamo che praticare sport anche in palestra (Come il calcio in zona Aurelia) può essere positivo per tutte quelle persone che hanno...
Calcio, sport e passione - 22/11/2022
Nessuno potrà dire che stiamo esagerando se affermiamo che praticare sport anche in palestra (Come il calcio in zona Aurelia) può essere positivo per tutte quelle persone che hanno...
A cosa serve la consulenza gestionale per centri sportivi - 22/11/2022
 Oggi ci vogliamo occupare della consulenza gestionale per centri sportivi perché vogliamo sensibilizzare sul fatto che gestire un centro sportivo non è facile per nessuno: quindi...
Che differenza fanno le finestre blindate a Roma - 14/11/2022
Proteggere la casa dalle intrusioni esterne oggi è diventato indispensabile, soprattutto per salvaguardare l’incolumità di chi vi abita. In particolare, se si abita al piano terra...
Perche' fare un aperitivo a Roma Flaminio - 07/10/2022
L’aperitivo è diventato ormai una piacevole consuetudine e nessuno rinuncia a questo momento della giornata per concedersi un sano relax. Ma quali sono i posti migliori da scegliere...
Commercialista Roma, a cosa serve - 05/10/2022
Il commercialista è una figura professionale che si occupa di svariate attività in ambito societario, commerciale, fiscale e molto altro. Laureato in materie economiche, e noto...
Abbigliamento ristorazione personalizzato: i vantaggi - 05/10/2022
L’abbigliamento da lavoro personalizzato è ormai di largo utilizzo in diversi settori, ha il pregio di far riconoscere l’attività o il negozio al primo impatto e...
Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.